attentato parigi terrorismo islamico
parigi nuovo attentato

Attimi di paura davanti a un commissariato del 18esimo arrondissement di Parigi, vicino a Montmartre. “Un uomo armato di coltello e con una finta cintura esplosiva è stato abbattuto a colpi d’arma da fuoco”, riferiscono i media francesi. Secondo il ministro dell’Interno, prima di essere ucciso l’uomo ha gridato “Allah Akbar”. Le ricostruzioni ufficiali sono tuttavia smentite da una testimone, secondo cui il presunto attentatore non era armato.

Identificato l’uomo ucciso dalla polizia davanti al commissariato del 18esimo arrondissement: si tratta di un marocchino di 20 anni, con un precedente per furto. Nel testo di rivendicazione si parlava di “atto per vendicare i morti in Siria” e di giuramento di fedeltà all’Isis.

Gli inquirenti francesi hanno aperto un’inchiesta per terrorismo. Lo ha precisato un ufficiale di polizia. Il portavoce del ministro Cazeneuve ha spiegato: “Secondo le prime informazioni che ci sono state riferite, l’uomo avrebbe agito da solo”. Sull’accaduto, ha aggiunto, “bisogna essere estremamente prudenti, è presto per parlare di atto terroristico”.

“Fili uscivano dall’abito” – Un funzionario del sindacato di polizia ha spiegato perché l’uomo è stato ucciso: “Ha gridato Allah Akbar e aveva alcuni fili sporgenti dagli abiti. Ecco perché l’ufficiale di polizia ha aperto il fuoco”. “Il terrorista ha agito secondo le modalità impartite dallo Stato Islamico”, ha detto un altro sindacalista parigino, Rocco Contento. “Il terrorista ha tentato di colpire un agente schierato a protezione del commissariato con diversi colpi di coltello”, ha aggiunto.

“Ucciso quando aveva le mani alzate” – “Non aveva in alcun modo un atteggiamento aggressivo”. E’ quanto ha riferito in lacrime Charlotte, una testimone della sparatoria. “Ero a pochi metri di distanza. Ho visto perfettamente quell’individuo avvicinarsi agli agenti schierati all’ingresso. Quelli gli hanno chiesto di indietreggiare, lui ha fatto due passi indietro, poi ha ricominciato a camminare verso di loro. Aveva le mani alzate e nessun coltello. Ma la polizia ha aperto il fuoco uccidendolo con tre colpi”.

Ci sarebbe anche un ferito – La stessa testimone racconta di aver visto un uomo colpito dai proiettili della polizia a un piede.

Tentato assalto mentre Hollande ricordava Charlie – Il presunto assalto al commissariato parigino è avvenuto nel momento in cui il presidente francese, François Hollande, parlava alle forze di sicurezza proprio in occasione del primo anniversario della strage di Charlie Hebdo.

attentato parigi terrorismo islamico

parigi nuovo attentato

 

FONTE: TGCOM.it