gattoparco milano
gattoparco milano

Milano, nasce il primo ‘gattoparco’ d’Italia: 6.400 metri dedicati ai felini domestici.

Di “aree cani” dove far socializzare i 4 zampe cittadini ormai ce ne sono parecchie , ma per gli amici gatti? Ecco che finalmente anche loro avranno un Gattoparco o, meglio, un giardino pubblico concepito e realizzato a misura di micio, dove i felini domestici potranno passeggiare, giocare e socializzare tra loro in tutta sicurezza. La struttura sorgerà a Milano sui Navigli, grazie alla bonifica di un’area verde dismessa di 6.400 metri quadrati adiacente al parco Baden Powell.

Oltre a una rete esterna, con un doppio cancello, ci saranno dei recinti più piccoli, che delimiteranno

le aree dove portare il proprio gatto e giocare con lui. “Stiamo ancora studiando che cosa potremo inserire nello spazio” aggiunge Peletti. Probabilmente ci saranno istallazioni sulle quali i gatti potranno arrampicarsi. “Ma il parco non è solo per i gatti, è per tutti” conclude Peletti spiegando che sono previsti anche incontri sulla cultura felina dedicati ai bambini e agli amanti dei gatti con esperti, veterinari e comportamentalisti.

gattoparco felini milano

Qui, secondo quanto richiesto anche dal Consiglio di zona 6, vedrà la luce lo spazio dedicato ai pelosi, per il quale è stato presentato e approvato un progetto sperimentale di gestione da parte dell’associazione Gatto viziato. Ma questa è solo una delle novità previste dal piano integrato d’intervento, approvato dalla giunta comunale milanese, relativo alle aree tra via Barsanti, via Autari e Ripa di Porta Ticinese. Fra le altre iniziative, anche la ristrutturazione di due storiche palazzine comunali per realizzare spazi di aggregazione e servizi, legati al mondo della bicicletta. “La creazione di nuovi spazi pubblici si dimostra il filo rosso con cui l’amministrazione prosegue nella sua opera di valorizzazione del territorio – ha detto in una nota ufficiale l’assessore all’Urbanistica, Alessandro BalducciMilano continua ad essere una città modello, che sperimenta nuove pratiche per riqualificare il tessuto urbano“.