pinacoteca
Pinacoteca di Brera: Giovedì 17 marzo apertura gratis
Pinacoteca aperta Giovedì dalle ore 8:30-19:15, ultimo ingresso 18.40.

Due capolavori italiani a confronto in esclusiva alla Pinacoteca di Brera fino al 27 giugno.

 

È uno dei sogni spesso impossibili degli storici dell’arte e dei direttori di musei.

Mettere due capolavori di uguale soggetto vicini, per vedere come il maestro abbia ispirato l’allievo e quanto questo se ne sia staccato e abbia innovato.

È il caso dei due “Sposalizi della Vergine”, uno del Perugino e uno di Raffaello, che abbiamo visto accostati solo sui libri finora.

?PklJIJMAInKhaLWkgJmTgXKSkehjhMVGcgRMJkJKlFKKjmdmphjhfmmGgMIcjFhHvIJmsgzKRhwHMiSjNkMdHfmkGKIKymcMAmEmlgSMjEjYiyhEgTHhjlialiIjclXJtKhEKDIiumjWLBHjIXHojuMSHijBIibJUJqksgYLJgPmiHTlhLjGlOHWMKKKjTJGkOMHkOicJJmRLdMLbWyjESBJMa in Occasione della giornata inaugurale del primo dialogo Raffaello e Perugino – sarà possibile ammirare i due sposalizi della vergine presso a Pinacoteca di Brera, con ingresso completamente gratuito.

 
pinacoteca

È il primo dei “Dialoghi” fra capolavori della collezione permanente e opere ospiti promessi dal nuovo soprintendente di Brera James Bradburne.

Il ricongiungimento è stato possibile grazie al prestito di un Caravaggio di Brera al Musée des Beaux-Arts di Caen di cui il Perugino è il vanto.

La pala manca dall’Italia da 200 anni, quando finì nel bottino napoleonico diretta al Louvre. Quella di Raffaello, invece, è uno dei simboli di Brera.

Per ogni dialogo in programma la storia delle tele esposte verrà raccontata attraverso le riflessioni di scrittori e intellettuali internazionali.

Raffaell e Perugin  metterà a confronto lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, una delle opere icona di Brera, con Lo sposalizio della Vergine di Perugino, proveniente dal Musée des Beaux Arts de Caen.

Le diverse tecniche utilizzate dai due pittori verranno discusse per evidenziare una forte discendenza dell’una dall’altra -Perugino fu con tutta probabilità il maestro di Raffaello- ma anche la svolta inaugurata da Raffaello, divenuto poi esempio per tutta l’Europa.

Le due opere a confronto saranno esposte sino al 27 giugno.