SCOOTER SHARING

SCOOTER SHARING: Motit potrebbe sbaragliare la concorrenza.

SCOOTER SHARING: in attesa del nuovo bando per ampliare il servizio di condivisione.

Dopo il successo nelle città di Barcellona e Parigi il servizio di scooter sharing elettrico Motit vuole conquistare anche a Milano.

Già due anni fa la società spagnola si era candidata per attivare il servizio nella città meneghina, ma all’epoca non se ne fece nulla.

Come scritto nel documento pubblicato sull’Albo pretorio «a oggi il servizio risulta attivo con un unico operatore, mentre il Comune di Milano ha interesse a promuoverne un ulteriore sviluppo[…]l’amministrazione intende individuare sul mercato altri soggetti».

Infatti, dopo il lancio a luglio 2015 dei 150 tre ruote firmati Eni-Enjoy, unico operatore al momento a gestire lo scooter sharing, l’amministrazione ha deciso ha deciso la riapertura del bando per potenziare il servizio sulle strade e la società di Motit non sarebbe l’unica ad aver mostrato interesse.

Intanto sia aspetta a breve il nuovo bando comunale sulle auto condivise(dopo il quale verrà probabilmente ufficializzato lo sbarco del DriveNow di Bmw). Tra le modifiche ci sarà il divieto di differenziare le tariffe entro i confini comunali, tasto dolente per il leader Car2go. Sono previsti anche incentivi agli operatori ecologici, elettrici in primis e licenze più durature(da tre a cinque o sei anni), per consentire tempi più lunghi per rientrare dagli investimenti.