ex Albergo Diurno Cobianchi

Milano: rivive l’ex Albergo Diurno Cobianchi . Cultura, formazione e grandi eventi

Torna a vivere l’ex Albergo Diurno Cobianchi che ospiterà esposizioni multimediali sulla storia di Milano, corsi di formazione per giovani in particolare sul teatro e mostre temporanee.

Aperto nel 1924, il primo diurno milanese era molto di più di un semplice bagno pubblico: accanto a docce e bagni in tinozza, forniva servizio di deposito bagagli, lavanderia e ancora barbiere, parrucchiere, manicure, noleggio ombrelli, manutenzione cappelli, divanetti di lettura e scrittura, fino alla vendita dei biglietti per treni e spettacoli.

Nello spazio situato in Galleria Vittorio Emanuele II, al piano interrato tra piazza Duomo, via Pellico e via Cattaneo, sarà possibile assistere a rappresentazioni teatrali, concerti, incontri, presentazioni e convegni.

Una parte dello spazio del Albergo Diurno Cobianchi sarà dedicata al Museo Virtuale di Milano, una presentazione multimediale della storia della città ricca di aneddoti e curiosità. Inoltre è prevista la realizzazione di un video racconto dedicato alla città di Milano: attraverso speciali videoguide i visitatori potranno godere di percorsi di visita personalizzati e legati al centro storico, suggerimenti e curiosità su locali, negozi e luoghi d’incontro.

Ampio rilievo sarà dato alle oltre 200 attività commerciali iscritte all’Albo delle Botteghe storiche della Camera di Commercio, attraverso immagini, documenti, oggetti storici e pubblicazioni che ripercorrono la storia mercantile e artigianale di Milano.

ex albergo diurno cobianchi

Numerose le occasioni di formazione per i più giovani, a cui saranno dedicati specifici corsi formativi sul teatro classico, laboratori amatoriali e laboratori di archeologia del teatro antico. Lo spazio sarà anche a disposizione per esposizioni temporanee e mostre multimediali didattiche.

Inoltre, da ottobre a dicembre, tutta l’area del Albergo Diurno Cobianchi sarà dedicata alla produzione di un grande evento espositivo di arte, archeologia e architettura in coordinamento con grandi palinsesti internazionali e nazionali e nelle ore serali l’area sarà destinata a rappresentazioni teatrali, concerti, incontri, presentazioni e convegni.

Ad aggiudicarsi la gara pubblica per l’assegnazione dello spazio è un Ats (associazione temporanea di scopo) guidata dalla capofila Ideazione, un’associazione di promozione socio-culturale attiva dal 1996 che sarà affiancata da Fondazione DNArt, Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano MODAVI onlus e dall’Associazione Italiana della Cultura Classica AICC.

La concessione dello spazio di 1128 metri quadri avrà durata triennale, con un canone annuo di circa 183mila euro. Tutti gli interventi necessari, compreso allestimento e arredi, saranno a carico dell’assegnatario, che dovrà anche garantire la disponibilità dello spazio al Comune per l’organizzazione di attività ed eventi culturali per un periodo massimo di 15 giorni all’anno.