camdef compressed

IL CURVO DI MILANO: sono partiti i lavori di costruzione del grattacielo che sorgerà tra lo Storto e Isozaki. I lavori termineranno nel 2018.

E’stata posata martedì – alla presenza del padre del disegno, dell’amministratore delegato di CityLife Armando Borghi, del direttore tecnico Marco Beccati e di Emiliano Cacioppo di Cmb, impresa che si occuperà dei lavori di costruzione – la prima pietra de il “Curvo” di Milano, il grattacielo progettato dall’archistar Daniel Libeskind che sorgerà in CityLife, tra i due illustri “colleghi” lo Storto e Isozaki.

Una volta terminato, spiega la scheda tecnica del grattacielo Libeskind, l’edificio avrà una caratteristica forma ricurva – da qui il nome il “Curvo” – e trentuno piani per un’altezza complessiva di 175 metri e una superficie lorda commercializzabile di circa 33mila metri quadri.

Torre Libeskind sarà direttamente connessa con la galleria commerciale del CityLife Shopping District e alla Piazza Tre Torri, collegata con la linea metropolitana M5. “L’accesso veicolare – spiega il progetto – sarà garantito da un innovativo sistema di viabilità interrata riservata alle Torri ed al Commerciale, con risalite dai parcheggi direttamente verso la lobby della Torre e la Galleria commerciale stessa”.

Il concept architettonico è così descritto dallo studio Libeskind: “Le immagini da cui si è tratta ispirazione sono la cupola rinascimentale e la scultura michelangiolesca della Pietà Rondanini. La cupola come elemento classico, anche prendendo a riferimento gli studi di Leonardo, definisce uno spazio interno e al tempo stesso diviene un elemento urbano e territoriale, un segnale per tutta la città. Per vie differenti, ma con medesimo intento emotivo e concettuale, la Pietà Rondanini, opera mirabile di Michelangelo Buonarroti conservata a Milano, con l’inarcamento dei corpi vuole comunicare protezione e intimità”.

“Così – spiega Libeskind – nascono i presupposti creativi che hanno portato alla definizione della forma della torre, un intervento urbano che dialoga con le altre due torri e unitamente ad esse definisce un nuovo luogo della città, la piazza, e per la città, il landmark urbano rappresentato dallo skyline del masterplan CityLife”.