BRUNCH

BRUNCH A MILANO: metà colazione, metà pranzo, è il brunch (breakfast + lunch) che ha preso piede da qualche anno anche in Italia e proviene dai paesi anglosassoni.

La domenica mattina, quando ci si alza con calma, quando è troppo tardi per la colazione ma troppo presto per il pranzo si può optare per il brunch in uno dei moltissimi locali che lo organizzano (spesso a buffet).

I piatti proposti sono un mix di cose dolci e salate, con piatti tipici della colazione continentale e all’inglese. Non possono mancare il tè o il caffè, torte e dolci tipici della pasticceria americana, come muffin e cupcake, pane e marmellata, brioche.

Come pietanze salate, spesso si trovano frittate veloci e semplici, tartine, uova e salumi, salmone affumicato e aringhe, ma anche primi piatti leggeri o arrosti super light.

Ecco 10 indirizzi per un brunch a Milano che vi consigliamo di provare:

Brunch in Officina: Brunch in Officina è un viaggio tra i sapori internazionali in uno spazio che ha mantenuto la sua struttura originale e che è stato allestito ad hoc per trascorre la vostra Domenica in assoluto relax.
La nostra proposta culinaria rientra appieno nella definizione di gourmet, perché sia la qualità degli ingredienti che la preparazione delle singole pietanze sono di altissimo livello.
Troverete un buffet ricco di piatti salati e dolci, tartare di carne o perse e omelette preparate al momento, taglieri di salumi e formaggi, frutta, spremute e molto altro. Ogni domenica dalle 12.30 alle 16.00.

SU PRENOTAZIONE ONLINE  o via Mail a :

brunch in officine milanesi milano


Brunch all’americana: allo Spoon di viale Bligny troviamo un menu specifico per il brunch: uova alla benedict o strappazate con salsiccia, uova florentine e club sandwich, french toast con frutta fresca e pancakes, insalata nizzarda e con l’avocado: questo solo un assaggio, ovviamente non mancano i cocktail “da brunch” con l’inmancabile Bloody Mary. Durante il brunch si mangia alla carta: ma c’è anche un generoso buffet con dessert vari. La domenica. 

Brunch per chi si alza tardi: al Baobar si può fare un brunch fino alle 16. E’ un cocktail bar e bistrot in via Eustachi. Il menù è fedele alla tradizione americana ed inglese con uova, pancake, bagel, salmone e hamburger. Anche per il brunch vale la filosofia della cucina ecogreen and healthy. La domenica dalle 11 alle 16. 

Brunch gourmet: al Deep, in zona Città Studi, ogni domenica, dalle 10, servono un buffet con piatti originali ed accattivanti dallo spiccato gusto mediterraneo ed etnico: nel menu è facile trovare il salmone, la caprese di mozzarella, l’insalata di pollo thai, il riso venere con verdure e gamberi, il cous cous con le verdure, il melone e i fichi con posciutto crudo e il fiocco. Costo 12 euro, acqua e succhi di frutta inclusi.

Brunch rigenerante: al God Save The food la scelta di certo non manca: dai pancake (primo su tutti quello con frutta, panna e sciroppo d’acero), ai sandwich, ai dolci della casa come i brownies e le crostate fino alle scrambled eggs, per chi predilige il salato. Ad accompagnare questi piatti troviamo centrifugati tonificanti e tè rigeneranti. Tutti i sabati e le domeniche dalle 12 alle 16.

Brunch veggie friendly:  al Tara, ristorante indiano in zona Sempione, tutte le domeniche dalle 12.00 in poi, troviamo un ricco brunch a buffet con pane cotto nel forno tandoor servito direttamente al tavolo. Con 15 euro, bevande escluse, puoi assaggiare una varietà estrema di pietanze che variano ogni settimana.

Brunch internazionale: Segue la linea della cucina anche la proposta del brunch del The Room, loft open space dal design cosmopolita e stile post-industriale in zona Ripamonti. Un brunch a Milano dal sapore internazionale: un menu con i classici “da brunch” anglosassone, hamburger, club sandwich, fish and chips.

Brunch in due taglie: piatti dolci e salati, come da perfetto american brunch, con hamburger, toast e pancakes. Al Bond ai Navigli ci sono due menu brunch la domenica: il light da 16,50 euro e il full da 23,50. 

Brunch tra alberi e bambù: tutte le domeniche dalle 12.00 alle 16.00 il Shambala troviamo per il brunch cucina internazionale con influenze asiatiche e fusion a deliziare i palati più curiosi. Mentre i grandi si lasciano cullare dall’ottimo cibo all’ombra dei folti alberi del giardino ornato di bambù, l’ Associazione Cuore e Parole si occupa dei più piccoli con laboratori esperienziali. Adulti: 25 euro compreso caffè, bambini dai 5 ai 9 anni: 12 euro. 

Brunch al piatto: al California Bakery di Piazza Sant’Eustrogio, il brunch viene servito dalle 11.00 alle 17.00: dal listino si può scegliere tra piatti a base di uova, piatti burger, piatti principali, insalatone (anche vegetariane) e vige l’accompagnamento di succo d’arancia fresco, pane homemade, salsine, tè e caffe. Una sezione meno “impegnativa” è dedicata ai bambini e a chi è a dieta. 

Brunch meltin’ pot: a Ostello Bello, una struttura tra il Duomo e i Navigli che apre il suo bar-ristorante anche a chi non alloggia nelle camere, il brunch c’è sabato e domenica dalle 12.30 in poi e prevede diverse formule tutte molto ricche (anche vegetariane) al costo di 12 euro. Una buona occasione per fare nuove conoscenze e rispolverare l’inglese.