LAMBRETTA

LAMBRETTA: una mostra che rende omaggio alla storia dello scooter nato nel quartiere Lambrate e da sempre rivale della Vespa.

Lo scooter Innocenti compie 70 anni e diventa il protagonista della Mostra scambio di auto, moto, ricambi e cicli d’epoca, edizione numero 69, al Parco Esposizioni Novegro dal 17 al 19 febbraio 2017, con una ricchissima rassegna di scooter made in Lambrate. Una mostra tematica di questi veicoli, il motivo di richiamo che condurrà i visitatori attraverso una parata di modelli legati strettamente  a quel capitolo della rivoluzione industriale italiana del dopoguerra scritto dalla motorizzazione di massa su due ruote.

Con l’esposizione torna anche la sfida strorica Lambretta contro Vespa, come nel dopoguerra quando i due scooter rivali dividevano il popolo dei neomotorizzati. La Vespa,  disegnata nel 1946, quindi di anni ne conta 71, da Corradino D’Ascanio,  ha continuato a vivere, evolvendosi negli anni, fino a diventare un’icona mondiale, declinata in decine di modelli. La Lambretta invece, da sempre la più amata dai Milanesi, ha continuato ad arrancare per stare a galla fino a quando nel 1971 è stata costretta ad arrendersi e traslocare in India. Ad oggi  nel luogo della fabbrica originaria non rimangono che rottami arruginiti, vetrate in frantumi, vicino al  fiume Lambro, quartiere di Lambrate, da cui e per cui il famoso Ferdinando Innocenti chiamò il veicolo Lambretta.

La Vespa era più fighetta, di  gran moda, roba  da centrosud, sole  e gita ai castelli. Il Lambrettista invece era il lavoratore medio che, non potendosi ancora permettere la Fiat o affini puntava sul due posti a cielo aperto, con annesso portapacchi. Nel 1947 lo stesso lavoratore, un semplice operaio, portava a casa ventimila lire al mese. La prima Lambretta aveva un costo di centocinquantaseimila, il boom che arrivò a produrne un milione di esemplari all’anno, fece abbassare la cifra a centododicimila sette anni dopo. Lungo i Navigli, all’Ortica, sito di Milano, ma anche a Santa Rita o alle Ferriere, sito di Torino, contavi più Lambrette che Vespe, a seguire Cinquecento, Seicento, qualche Appia dell’elegante Lancia, motocarri, torpedoni e biciclette.

Il quartiere fieristico di Novegro è accessibile in automobile dalla Strada Provinciale Rivoltana, collegata alla Tangenziale Est di Milano (uscita Linate) e con il bus 73/San Felicino diretto a Linate – Aeroporto.

ORARIO DI APERTURA: domenica dalle 8.00 alle 17.00.