GALLERIA VITTORIO EMANUELE

GALLERIA VITTORIO EMANUELE: la commissione esaminatrice sta verificando le dieci offerte proposte per i due lotti occupati al momento dal “Gatto rosso” e dal “Salotto”.

Sono dieci le offerte per i due spazi in Galleria Vittorio Emanuele a Milano occupati dal «Gatto » fronte al ristorante Savini e dal «Salotto». Tra le alternative un take away giapponese, l’ex assessore e consigliere comunale e deputato Roberto Bernardelli, fondatore della Lega Padana Lombarda e poi del movimento indipendentista Unione padana, già titolare dell’hotel Cavalieri in piazza Missori, e l’outlet dolciario «OdStore» che ha un negozio anche alle spalle del Duomo.

Ieri alle 10 in punto la commissione esaminatrice ha aperto in ordine di consegna i plichi per verificare se erano stati rispettati tutti i requisiti. Ultimi a presentare l’offerta sono stati proprio gli attuali inquilini, il titolare della «Locanda del Gatto rosso» Andrea Loiacono e Mario Alloni del «Salotto», che stanno cercando di difendere il posto anche con un doppio filone di ricorsi.

Il Comune ora procederà con l’esame a porte chiuse delle offerte tecniche, che contribuiscono al 60% del punteggio, e in seduta pubblica a quelle economiche (40%), ma dovrà congelare fino ad allora l’aggiudicazione. Anche se tra i tempi necessari per controlli tecnici e procedure Antimafia, l’assegnazione definitiva sarebbe slittata comunque all’estate.

Continua a leggere…