CORSO GARIBALDI: la storia della “chiesa doppia” di Santa Maria Incoronata

CORSO GARIBALDI

CORSO GARIBALDI: la particolare “chiesa doppia” di Santa Maria Incoronata deve la sua costruzione ad una prova d’amore, ecco la sua storia.

La chiesa di Santa Maria Incoronata in Corso Garibaldi è uno dei più importanti monumenti della Milano quattrocentesca, nonché una delle più significative testimonianze della religiosità agostiniana e della cultura umanistica in Lombardia.

Sorge al numero 116 di Corso Garibaldi e costituisce un caso particolare di “chiesa doppia”, simile a quella di S. Cristoforo al Naviglio (anch’essa a Milano): guardando dal sagrato, la chiesa di sinistra è la più antica, perché esisteva già in età comunale, era retta dai padri eremitani di S. Marco ed era intitolata a S. Maria di Garegnano.

Le origini della chiesa

Il complesso dell’Incoronata sorge nel luogo dove venne fondata la piccola chiesa di Santa Maria di Garegnano nel XV secolo; è costituito dalla chiesa, da due chiostri, dalla Biblioteca Umanistica e da ciò che rimane di un antico cenobio agostiniano. Nel 1445 la Congregazione Lombarda dell’ordine di Sant’Agostino avviò alcuni lavori per ampliare il convento. La ristrutturazione terminò nel 1451, anno in cui Francesco Sforza venne insignito dell’investitura a duca di Milano: per questo i padri agostiniani modificarono il nome della chiesa in “Incoronata”.

Il colpo di genio di una moglie tradita

Era il 1460 quando Bianca Maria Visconti, moglie del Duca Sforza, stanca delle voci sui continui tradimenti del marito, decise di tacitarle in modo plateale: la duchessa ordinò di celebrare pubblicamente l’amore e la fedeltà della coppia facendo edificare una seconda chiesa intitolata a San Nicola da Tolentino al lato di quella esistente. La facciata venne quindi raddoppiata e l’unione delle due chiese diede vita all’Incoronata come oggi la conosciamo: a due navate terminanti con absidi poligonali, sulle quali si aprono le sei cappelle laterali. Figlia illegittima di Filippo Maria Visconti, Bianca possedeva un’abilità politica fuori dal comune: i cronisti dell’epoca la descrivono come colta, intelligente e acuta.

Un affresco raro

Nella prima cappella, detta del Bergognone, è possibile ammirare un affresco risalente alla seconda metà del XV secolo: è Il torchio mistico, opera di Ambrogio da Fossano. Scoperto nel 1930, raffigura un tema raro nell’iconografia cristiana, Cristo sotto il torchio. Nell’opera, che rappresenta il sacrificio eucaristico, il Salvatore è nel tino dell’uva, la croce diventa la pressa del torchio e il mosto, sangue delle ferite di Gesù, viene raccolto in un calice come fosse vino dai Padri della Chiesa, e cioè Agostino, Girolamo, Ambrogio e Gregorio.

Simple Share Buttons
X