PRIMO SOCCORSO
AGENDA EVENTI MILANO

PRIMO SOCCORSO: una bici ambulanza per intervenire nelle situazioni in cui i mezzi del 118 fanno fatica ad arrivare, come manifestazioni e centri pedonali delle città.

La Croce Bianca di Boltiere, in provincia di Bergamo, è tra le prime realtà in Italia a sperimentare le “ambulabici”, attive da un mese, per il primo soccorso nelle situazioni in cui è necessario muoversi rapidamente e con un mezzo leggero, in cui l’ambulanza “normale” non riesce ad arrivare.

Le bici ambulanza sono dotate di tutti gli strumenti necessari per gli interventi di primo soccorso: defibrillatore, ossigeno, strumenti per la rianimazione cardiopolmonare e kit per curare traumi, ferite e fratture (collari, garze, fasciature). Il materiale contenuto in due sacche sistemate sulla ruota posteriore per consentire alla bicicletta di muoversi agevolmente.

“L’idea è stata sperimentata a Bergamo, nel Bolognese e in Piemonte, ma si tratta ancora di casi isolati”, spiega il presidente della Croce Bianca di Boltiere, Mauro Colombo. “Abbiamo già fatto alcuni interventi in occasioni di gare sportive e finora il bilancio è molto positivo. Naturalmente non si tratta di un’alternativa all’ambulanza che interviene per le chiamate al 118, ma è un aiuto nelle situazione in cui questa ci metterebbe troppo tempo, come per esempio un infortunio nei campi o su un terreno accidentato”. Se l’automezzo in queste situazioni deve andare necessariamente piano, per non rischiare incidenti, la bicicletta arriva sul posto in modo tempestivo e fa guadagnare tempo.

L’idea è nata dall’esperienza della “London Bicycle Ambulance”. Il soccorso su due ruote è infatti attivo da oltre un decennio nella capitale inglese e le statistiche ne dimostrano l’efficacia: nell’88 per cento dei casi le bici arrivano sul luogo dell’incidente prima dell’ambulanza e nel 30 per cento dei casi hanno risolto la situazione d’emergenza senza bisogno dell’intervento di altre squadre. Le ciclo ambulanze sono state sperimentate anche dalla Croce Bianca di Alice Castello e Borgo d’Ale, nella provincia di Vercelli, in Piemonte.