BIGLIETTO ATM A 2 EURO
AGENDA EVENTI MILANO

BIGLIETTO ATM A 2 EURO: Palazzo Marino ha approvato la delibera sul riordino delle tariffe e delle agevolazioni del trasporto pubblico locale, con 27 favorevoli e 6 contrari.

Il consiglio comunale di Milano ha stabilito che il biglietto ordinario di Atm a 2 euro entrerà in vigore il 15 luglio. Palazzo Marino ha approvato la delibera sul riordino delle tariffe e delle agevolazioni del trasporto pubblico locale, con 27 favorevoli e 6 contrari.

Dopo circa 50 ore di sedute costellate dagli emendamenti ostruzionistici delle opposizioni, dunque, i consiglieri hanno approvato un aumento che, per la maggioranza di centrosinistra, si è reso necessario per sopperire ai sempre maggiori costi del servizio di trasporto a fronte di sempre meno trasferimenti dalla Regione e dallo Stato: «Non c’è “prelievo”, ma fronteggiamo un deficit strutturale dovuto alla scelta di continuare a investire sul trasporto pubblico per aumentare la sostenibilità a fronte dell’indifferenza regionale e statale», ha dichiarato Filippo Barberis del Pd.

Per Fabrizio De Pasquale di Forza Italia, il raddoppio del costo del biglietto in 7 anni è una cosa «che non è successa da nessun’altra parte del mondo» e il “tesoretto” da 51 milioni (che diventano circa 43 al netto dei costi) sarebbe «l’unica ragione, di bilancio, per questo provvedimento». L’azzurro ha aggiunto che «con questi soldi si dà più valore al trasporto pubblico locale, rendendolo più appetibile per eventuali gare e quindi mettendo a rischio i posti di lavoro di Atm».

Il biglietto ordinario aumenta a 2 euro ma ora con lo stesso si potrà viaggiare anche nella prima fascia dei Comuni dell’hinterland: 21 in totale. Il che significa, ad esempio, che si abbassa da 2,50 euro a 2 euro la tariffa per raggiungere il Forum di Assago o la Fiera di Rho. Questo si ripercuote anche sugli abbonamenti, che si abbassano per i pendolari da queste aree. In generale la delibera fissa aumenti anche sugli abbonamenti giornalieri, settimanali e mensili, mentre lascia invariati quelli annuali (che si potranno rateizzare) per favorire la fidelizzazione degli utenti.

La tariffa ordinaria “urbana” sarà ora valida fino ai capolinea M1 Sesto FS, M1 Rho-Fiera, M2 Cologno Nord, M2 Vimodrone, del 15 a Rozzano e del 31 a Cinisello Balsamo, e poi nei Comuni di Assago, Baranzate, Bollate, Bresso, Buccinasco, Cesano Boscone, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Corsico, Cusano Milanino, Novate Milanese, Opera, Pero, Peschiera Borromeo, Rozzano, San Donato Milanese, Segrate, Sesto S. Giovanni, Settimo Milanese e Vimodrone.

L’aula ha votato un emendamento di Forza Italia e Lega per “bloccare” per tre anni gli abbonamenti annuali e la gratuità per gli animali domestici (che finora pagano un biglietto ordinario) e l’eliminazione delle fasce orarie (quindi potranno salire sempre sui mezzi Atm). Inoltre sarà previsto un abbonamento annuale a 50 euro per i disoccupati da almeno 24 mesi e con Isee inferiore a 16.900 euro, per tutti con Isee inferiore a 6 mila euro, ma se over 65 è gratis e per i detenuti che, grazie ai permessi, si spostano con i mezzi pubblici per motivi di studio o lavoro. Spariscono poi i vincoli orari dell’abbonamento “off peak”, che finora garantisce una tariffa scontata agli anziani a patto che, da lunedì a venerdì, usino i mezzi dopo le 9.30 di mattina, cioè fuori dalle ore di punta. La tariffa rimane invariata: 16 euro il mensile, 170 euro l’annuale.

Gli sconti alle famiglie numerose partono ora da chi ha più di tre figli (e non più quattro). Sconto anche per gli ex appartenenti alle forze dell’ordine e all’esercito, che vanno in pensione prima di 65 anni e quindi non usufruirebbero degli sconti per gli anziani. E viaggeranno gratis gli insegnanti accompagnatori in gita scolastica.

L’abbonamento annuale ordinario resta fermo a 330 euro per favorire coloro che usano costantemente i mezzi pubblici. Gratuiti gli abbonamenti per gli under 14 e, con Isee inferiore a 6 mila euro, per gli over 65. I giovani potranno beneficiare dell’abbonamento ridotto fino a 27 anni (e non più 26). Invariato a 22 euro (il mensile) e a 200 euro (l’annuale) l’abbonamento per gli under 30 con Isee inferiore a 28 mila euro. E per gli under 27 abbonati al trasporto pubblico, scende da 29 a 12 euro il costo dell’abbonamento al BikeMi; dai 28 anni il costo passa da 29 a 24 euro.

Costerà 200 euro l’abbonamento annuale per gli over 65 con reddito Isee tra 16 e 28mila euro. Si è detto del nuovo “off peak”, ancora più conveniente di adesso, disponibile per tutti dai 65 anni di età e per i pensionati dai 60 anni. Viene introdotto (dal 2020) un abbonamento biennale a 297 euro all’anno e l’annuale potrà essere rateizzato (27,50 euro al mese).

Aumenta il mensile urbano da 35 a 39 euro, mentre il giornaliero passa da 4,50 a 7 euro. Introdotto anche un biglietto valido tre giorni (costerà 12 euro); il settimanale passa da 11,30 a 17 euro e il carnet da 10 corse passa da 13,80 a 18 euro.

Il “biglietto breve” verrà introdotto nel 2020 e sarà destinato a chi fa poche fermate o a chi fa un viaggio sensibilmente più breve dei 90 minuti di validità del biglietto ordinario (è ancora da stabilire). Costerà di meno, forse 1,40 euro. Altra novità approvata, una tessera prepagata simile alla Oyster Card londinese, che calcola automaticamente la tariffa migliore al passaggio ai tornelli. Un meccanismo già in atto se si usa la carta di credito ai tornelli del metrò. Anche per questa novità occorrerà aspettare un po’, ma la decisione c’è stata.

«Abbiamo realizzato una profonda riforma del sistema tariffario a  favore di chi sceglie il trasporto pubblico. Noi vogliamo continuare ad investire sullo sviluppo della rete, anche a fronte di minori risorse da parte del Governo e della Regione, ma oggi abbiamo condiviso la necessità di tutelare di più lavoratori, famiglie, giovani e anziani rispetto a turisti e utenti occasionali. Una rete di trasporto collettivo efficiente, veloce, capillare con tariffe eque su un territorio sempre più ampio è la risposta al crescente bisogno di mobilità di cittadini e utenti e alla necessità di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo», ha dichiarato l’assessore alla mobilità Marco Granelli.