giornata del panettone milano
AGENDA EVENTI MILANO

PANETTONE: al dolce vengono attribuite proprietà “miracolose” in grado di preservare dai malanni della gola.“ Oggi è San Biagio!

PANETTONE DAY TEMPORARY STORESan Biagio, perché si mangia il panettone?

Il legame con Milano però è molto più moderno. E in particolare è dovuto a un frate goloso di nome Desiderio e a una massaia. Secondo la leggenda, tutto iniziò poco prima del periodo natalizio quando quest’ultima portò al frate un panettone affinché lo benedicesse. Lui, forse troppo occupato o procrastinatore, certamente molto goloso, si dimenticò del dolce per diversi giorni, salvo spiluccarlo man mano fino a non far rimanere solo l’involucro. Quando la donna tornò era il 3 febbraio e il panettone era già finito da un bel pezzo. Ma il religioso non si perse d’animo e condusse la donna all’angolo nel quale c’era l’involucro, pronto ad accampare qualche scusa per la sua “scomparsa”. Ma con grande meraviglia scoprì che il panettone era “riapparso” grosso il doppio. E così questa sovrannaturale apparizione fu attribuita a San Biagio.

La tradizione contadina vuole che la mattina del 3 febbraio la famiglia faccia colazione con l’ultimo panettone superstite delle feste natalizie. Al dolce vengono attribuite proprietà “miracolose” in grado di preservare dai malanni della gola.

Panettone di San Biagio, un business anche per i pasticceri

Se per la tradizione il panettone di San Biagio è un “superstite” casalingo del Natale, secondo la Camera di Commercio i milanesi preferiscono acquistarne uno fresco. Il motivo? Soprattuto i prezzi, molto più bassi rispetto a Natale.

Secondo i dati di via Meravigli la tradizione di San Biagio è ancora sentita, non solo: ” È è stabile il trend di vendita del panettone dopo le feste rispetto allo scorso anno”.

Inoltre secondo tre pasticceri su quattro il panettone resta legato soprattutto ai soliti periodi tradizionali. Per un pasticcere su quattro è invece sempre più richiesto al di fuori delle feste, in particolar modo come “dolce invernale” e per alcuni rimane il dolce tipico tutto l’anno.