test gallera coronavirus farmaco artrite gratis
AGENDA EVENTI MILANO

“Noi lavoriamo sulle ore. Vado a recuperare 30 respiratori, ieri eravamo quasi a zero come posti letto in terapia intensiva. Quando ieri sera tardi è arrivata la notizia di questi 30 respiratori, mi veniva quasi da piangere. Avevamo già approntato posti di terapia intensiva che aspettavano solo i respiratori: diamo speranza a 30 lombardi in più”.


E’ un passaggio dell’intervento di Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, a Agorà. La Lombardia conta sul contributo di Guido Bertolaso, nominato consulente dal presidente Attilio Fontana. “Se Bertolaso ha accettato questa sfida, ritiene di poter portare il proprio contributo in sinergia”, dice Gallera. L’auspicio è che le misure adottate da diversi giorni diano risultati: “Non pare esserci la crescita esponenziale dei contagi che ci si aspettava, i dati ci dicono che è costante, è una buona notizia”.

Sotto stretta osservazione, Milano e hinterland: nell’area metropolitana vivono oltre 3 milioni di persone, a ieri pomeriggio i casi lì erano 1.983 (233 in più in un giorno), di cui 813 nella città di Milano (che domenica ne contava 711).

Tra i positivi, anche un anziano ricoverato a Casa Verdi, la residenza per anziani musicisti di Milano: il paziente, insieme con un altro anziano per il quale si è in attesa degli esiti del tampone, è stato trasferito in ospedale.

Coronavirus, si lavora al centro di terapia intensiva alla Fiera di Milano

“Il centro di terapia intensiva alla Fiera di Milano sarà pronto in 10 giorni, a partire da quando riusciremo a recuperare i respiratori, che sono l’elemento più importante, e il personale”.

Lo ha confermato Giulio Gallera, assessore al Welfare del Comune di Milano, ospite di Agorà su Rai Tre. “Questa idea di ottimizzare in un unico spazio ben 500 posti letto è il modo per affrontare, forse in maniera definitiva, il bisogno di posti letto in terapia intensiva – ha sottolineato Gallera – quindi noi andiamo avanti. Abbiamo chiamato il migliore che c’era sulla piazza, Guido Bertolaso. Ieri è arrivato, aveva già approfondito i temi con la sua squadra, subito molto operativo, e questa mattina abbiamo le prime riunioni. Lui si attiverà immediatamente – ha assicurato Gallera – lo spazio c’è, appena abbiamo la certezza di poter ordinare in tempi rapidi una quantità significativa di respiratori iniziamo i lavori.

gallera ospedale di fiera milanoIl countdown inizia – ha detto l’assessore – da quando avremo gli ordini firmati dei respiratori”.

Quanto alla difficoltà di reperirli, Gallera ha osservato che “Guido Bertolaso ha gestito emergenze in tutto il mondo, contiamo che lui possa avere i canali, i respiratori qualcuno li produce, vanno a ruba, ma evidentemente ci sono. Noi ne stiamo per avere 200 dalla Protezione civile. Qualche canale secondo noi c’è, e va esplorato fino in fondo”.


Coronavirus, nuova autocertificazione: dichiarare la non positività

E’ online il nuovo modello da utilizzare per le autodichiarazioni necessarie per gli spostamenti. Il documento contiene una nuova voce con la quale l’interessato deve autodichiarare di non essere soggetto agli obblighi previsti dalla quarantena per chi è stato trovato positivo al coronavirus o per chi è entrato in contatto con una persona contagiata. Lo rende noto il ministero dell’Interno.

SCARICA IL NUOVO MODULO