Ospedale bergamo
AGENDA EVENTI MILANO

Ospedale Bergamo: “Abbiamo un bisogno disperato di infermieri e medici”

“Abbiamo disperato bisogno di infermieri e medici, oltre che di apparecchi di ventilazione e dispositivi di protezione individuale”.

E’ l’appello in inglese, diretto anche all’estero, di Stefano Fagiuoli, direttore del Dipartimento di Medicina dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, che è “in piena emergenza” per il coronavirus.

Il nostro personale, medici e infermieri sta lavorando giorno e notte, innumerevoli ore, per combattere questa incredibile situazione – dice Fagiuoli in un video messaggio sulla pagina Facebook dell’Asst Papa Giovanni XXII -. Noi non sappiamo quando a lungo questa pandemia durerà.

Ho due messaggi. Il primo è per la popolazione, per favore restate a casa. Il secondo è per chiunque voglia aiutarci». Il direttore del Dipartimento di Medicina chiarisce che c’è “disperato bisogno di infermieri e medici, oltre che di apparecchi di ventilazione e dispositivi di protezione individuale. La ong Cesvi – aggiunge – ci sta aiutando con una raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme, quindi se potete aiutateci. E se siete personale sanitario siete più che benvenuti a unirvi a noi per combattere il coronavirus».

ospedale di bergamo

Bergamo, ospedale da campo degli alpini
La Regione stoppa il progetto in Fiera

La struttura Ana Dopo il sopralluogo della mattinata la Giunta ferma i lavori: mancano certezze sul personale medico.

Le perplessità si erano colte già mercoledì mattina, durante il sopralluogo alla Fiera di Bergamo, dove dovrà essere montato l’ ospedale da campo dell’ Associazione nazionale alpini. Un esponente dell’ Ana, nel corso di una delle varie mini-riunioni, era stato brutale nella sua analisi: «O vengono messi a disposizione medici e infermieri, oppure non si parte. Perché il personale dell’ Associazione alpini è volontario, il grosso non lavora a tempo pieno e dunque non sarebbe in grado di garantire la gestione sanitaria di questa struttura».


Almeno cento i medici di famiglia contagiati, centinaia gli operatori sanitari in quarantena e con la febbre. Negli ospedali i pazienti vengono ammassati dove capita, nell’atrio del pronto soccorso, in sala parto, nei corridoi.
Siamo come in guerra.
Per aprire l’ospedale di emergenza a Bergamo occorrono medici e infermieri.
Se hai un amico, un conoscente, un parente che può rispondere presente, questo è l’indirizzo di posta elettronica per aderire:

Ve ne saremo grati per tutta la vita.