vendita quaderni e colori per bambini nei supermercati
AGENDA EVENTI MILANO

Adesso nei supermecati sarà possibile acquistare  penne,matite e quaderni

Interi scaffali sbarrati, corsie chiuse con i nastri adesivi e ben in in vista cartelli con scritto “non è possibile acquistare i prodotti presenti in quest’area“. È la scena immortalata in moltissimi scatti pubblicati in questi giorni sui social da persone che lamentavano il divieto imposto da alcune grandi catene di supermercati alla vendita di pennarelli, quaderni, colori, giochi per bambini, ma anche biancheria e prodotti per il giardinaggio. Con tanto di racconti di persone arrivate alla cassa con le matite colorate e bloccate perché “non beni di prima necessità”.

Per dar voce alla questione, erano partite numerose petizioni online da cittadini e associazioni di vario tipo, supportate anche dalle proteste di alcuni politici bipartisan .

La “battaglia del pennarello”, come l’ha chiamata il sindaco di Milano Beppe Sala, è stata vinta. Le richieste e le petizioni online, ormai, si stavano moltiplicando: fateci comprare i colori e i quaderni per i nostri bambini, il messaggio. Un appello che il primo cittadino ha fatto proprio, chiedendo al prefetto e al governo centrale di permettere la vendita nei supermercati degli articoli di cancelleria, considerati beni non essenziali dall’ultimo decreto sul coronavirus.

Il governo ha deciso di sbloccare questa possibilità.  “Gli ipermercati, i supermercati, i discount di alimentati e gli altri esercizi non specializzati di alimentari vari individuati nell’allegato 1 del dpcm 11 marzo 2020 possono continuare a vendere anche prodotti diversi rispetto a quelli elencati nelle categorie merceologiche espressamente indicate .