trump aiuti in italia per 100 milioni di euro
AGENDA EVENTI MILANO

TRUMP : aiuti sanitari all’Italia per 100 milioni di dollari

Gli Stati Uniti invieranno in Italia materiale sanitario per 100 milioni di dollari: lo ha detto il presidente americano Donald Trump spiegando anche che gli Usa stanno già fornendo respiratori all’Italia così come alla Spagna e alla Francia. “Giuseppe – ha aggiunto Trump riferendosi al presidente del consiglio Conte – era molto contento”

Trump aveva promesso di aiutare l’Italia, e puntale ieri ha parlato al telefono col premier Conte. I due leader hanno ribadito l’impegno a lavorare insieme per sconfiggere il coronavirus.

Nei giorni scorsi il presidente ha ordinato alla General Motors di produrre ventilatori, e ha detto che le macchine indispensabili per salvare le vite dei malati verranno mandate agli alleati che ne hanno più bisogno, come l’Italia. Questo è il primo atto concreto che potrebbe avvenire, insieme ad altri materiali come le maschere. Ieri infatti Trump ha detto di aver promesso a Conte l’invio di forniture mediche per circa cento milioni di dollari.

Gli Usa daranno pronti ad aiutare anche a Spagna e Francia.

Non si fanno attendere i ringraziamenti del Presidente Conte

 

conte ringrazia trump per gli aiuti all'italia

La situazione Coronavirus negli U.S.A

Negli Stati Uniti i numeri continuano a crescere molto rapidamente: l’ultimo bollettino parla di quasi 3mila vittime, di cui 486 nelle ultime 24 ore, mai così tanti dall’inizio dell’epidemia nel Paese. I casi accertati sono oltre 160mila. Anche per questo Tramp con il governo ha deciso di prorogare le misure di contenimento fino al 30 aprile. Nello Stato di New York i morti sono già più di mille in un mese. E nella Grande Mela diventata epicentro dell’epidemia in Usa, si sta montando un ospedale da campo nel mezzo di Central Park.

Il presidente Donald Trump deve rinunciare all’idea di riaprire gli Stati Uniti per Pasqua, annunciata qualche giorno fa, e prolunga le restrizioni per il contenimento del Coronavirus fino al 30 aprile.

Trump sembrerebbe aver abbandonato l’ottimismo passato,anche quando parla delle cifre del contagio e dei decessi provocati dal Covid-19: “Se potessimo limitarlo diciamo a 100.000 morti o meno, che comunque è un numero orribile”, ha detto il presidente, si potrebbe dire che si è fatto un “buon lavoro”.

Trump chiude guardando avanti, con un messaggio di speranza. “Per l’1 giugno saremo sulla strada della ripresa”. E, comunque, “sono pronto a fare tutto il necessario per salvare vite umane e l’economia”.