scuola coronavirus scuola nuovo decreto
AGENDA EVENTI MILANO

ESAME DI STATO: corsa contro il tempo per la maturità 2020. Ecco tutte le ipotesi sul tavolo del ministero

E’ un gigantesco punto di domanda la maturità 2020, che deve fare i conti con l’emergenza Coronavirus. L’esame di Stato verrà declinato e plasmato anche in base alla data di riapertura delle scuole. L’ipotesi di tornare sui banchi a maggio c’è ancora, non è stata affatto accantonata. Nessuna conferma al momento sulla voce secondo cui nell’anno scolastico 2019-2020 non ci sarà alcun bocciato, nemmeno tra gli studenti rimasti indietro in qualche materia, con eventuale recupero delle materie l’anno prossimo.

La titolare del ministero dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in una diretta Faceboook mercoledì ha spiegato: “Ragazzi, so che attendete risposte sull’esame di Stato, ho letto tutte le vostre richieste. Abbiamo bisogno di un veicolo normativo: presto lo avremo e potremo dare risposte sull’esame di Stato e di terza media”, ha detto.

Per modificare maturità ed esame di terza media si deve per forza mettere mano al decreto legislativo 62 del 2017. Non una sottigliezza. Al momento la prima prova dell’esame di maturità è fissata per il 17 giugno. Sarà in ogni caso una maturità light con 6 commissari interni e uno esterno e molto probabilmente con una tesina al posto della seconda prova scritta. Non si terrà conto delle prove Invalsi e dell’alternanza scuola lavoro. Se si tornerà a scuola a maggio – il 17 è secondo molti la data limite oltre la quale è impossibile pensare di tornare a scuola – tutti gli studenti, anche quelli con insufficienze, potrebbero essere ammessi all’esame di Stato.

Se non si tornerà sui banchi, si potrebbe invece pensare di impostare la maturità con un’unica maxi-prova orale, della durata di almeno 60 minuti, con svolgimento di esercizi o traduzioni in base all’indirizzo di studi. In altri casi d’emergenza, come il post-terremoto de L’Aquila, si agì così. In tal caso l’orale potrebbe valere 60 punti nel computo complessivo del voto finale. Solo ipotesi, sia chiaro. Ma anche per l’esame di terza media l’ipotesi del maxi-colloquio è in piedi.