SALONE DEL MOBILE rinviato al 2021

Salone del Mobile 2021: fissata la nuova data

L’edizione di quest’anno del Salone del Mobile è stata rimandata al prossimo 2021, in concomitanza con il 60° anniversario dell’evento e si svolgerà dal 13 al 18 aprile.

Con molta probabilità, come previsto per questa edizione, la visita alla manifestazione sarà garantita a tutti gli operatori del settore per l’intera durata della manifestazione, mentre l’apertura al pubblico sarà prevista per le due giornate conclusive durante il weekend.

Posticiparlo nuovamente alla fine dell’estate è impensabile per gli organizzatori, risulterebbe troppo vicino alla successiva edizione del 2021 e creerebbe troppi disagi alle aziende e ai produttori, che già si sono trovati costretti a far slittare la filiera produttiva di qualche mese, in vista del primo rinvio.

Nella storia del Salone del Mobile è la seconda volta che la manifestazione salta un’edizione. La prima era avvenuta nel 1990, quando gli organizzatori decisero di annullare l’edizione in vista di quella del 1991 che subì uno spostamento da settembre ad aprile.
Ancora non sono state disposte direttive su un eventuale rimborso dei biglietti di questa edizione per coloro che già gli avevano acquistati.

Salone del mobile 2021: le novità in programma

Gli organizzatori hanno già preannunciato moltissime novità per la prossima edizione del Salone del Mobile, in cui ricorrerà anche il 60° anniversario; per la prima volta nella storia della manifestazione vedrà lo svolgersi in contemporanea di tutti gli eventi:

“Si presenteranno, insieme al Salone Internazionale del Mobile, al Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, a Workplace3.0, S.Project e al SaloneSatellite, tutte le biennali. Oltre a Euroluce, già prevista nel 2021, saranno presenti EuroCucina, con il suo evento collaterale FTK – Technology for the Kitchen e il Salone Internazionale del Bagno.”

L’evento sarà l’occasione di celebrare il Salone del Mobile di Milano ed un “modo per dare una nuova opportunità di rilancio per le imprese e per tutta la filiera che lavora in sinergia con il Salone e per Milano”, che quest’anno hanno subito un duro colpo, diventando il principale appuntamento del settore.