metro atm milano metro distanze
@Corriere
AGENDA EVENTI MILANO

 

Atm sta studiando in queste settimane un piano per la ripartenza. Non è facile. Oltre ai termoscanner all’ingresso delle stazioni, bisogna capire come evitare assembramenti, inevitabili, oggi, nelle classiche ore di punta. Il sindaco Beppe Sala ha già spiegato come “il numero di mezzi non sia infinito” e che quindi, giocoforza, si dovrà allungare la giornata lavorativa.“

Grossi adesivi a fondo rosso, le impronte bianche di due suole di scarpa e la scritta “Stai qui”. E’ la campagna per la gestione della “fase 2” sui mezzi pubblici dell’ATM.

Sui treni del metrò, quei cerchi serviranno a indicare il distanziamento dei passeggeri, le posizioni corrette per non stare troppo vicini e contenere il rischio di contagio, con l’obbligo di mascherine e guanti.

Tra le soluzioni al vaglio per l’Azienda trasporti milanese, ora sul tavolo, si pensa a tornelli che misurano con precisione gli ingressi; percorsi che arrivano alla banchina con segnaposti e ingressi scaglionati. Una volta all’interno del mezzo, sul pavimento, ci saranno le posizioni preassegnate in modo da mantenere, tra un passeggero e un altro, una distanza media tra il metro e mezzo e i due metri. Soluzioni molto simili, queste, alle quali sta pensando Trenord: percorsi ordinati, posti a sedere distanziati e obbligo di mascherine.“