FESTIVAL MILANO MUSICA 2020: dall’Hangar Bicocca al Teatro alla Scala
AGENDA EVENTI MILANO

FESTIVAL MILANO MUSICA 2020: dall’Hangar Bicocca al Teatro alla Scala. Sabato 17 e domenica 18 ottobre arrivano in città le melodie del Festival Milano Musica, una due giorni dedicata a musica e performance.

In particolare, giovedì 15 ottobre si terrà l’anteprima del festival, con un concerto di musica elettronica aperto alla Chiesa di San Fedele.

Sabato 17 ottobre percussioni, pianoforti ed elettronica per l’inaugurazione sotto le Torri di Kiefer all’Hangar Bicocca ( posti esauriti).

Doppio appuntamento, infine, domenica 18 ottobre:

  • Palazzo Reale ( posti esauriti)
  • Teatro alla Scala, ultimi posti disponibili: acquista i biglietti qui

Gli spazi dell’Hangar

Sede dell’inaugurazione nel 2017 e dei concerti delle ultime edizioni, gli spazi dell’Hangar diventano parte integrante dell’esecuzione della nuova creazione di Claudio Ambrosini, brano “site-specific” commissionato da Milano Musica e presentato in prima esecuzione assoluta: De Rerum Natura per tre percussionisti e ambiente “elettronicamente rivelato”, grazie ai microfoni disposti sul perimetro dello spazio. Nuova commissione Milano Musica è anche il secondo brano in programma: Vuoi che nel fuori scritto da Marco Momi, sarà eseguito in prima assoluta dai percussionisti di Zaum percussion.

Ai tre pianoforti è invece affidata l’esecuzione di Tecniche per la misurazione dell’infinito di Claudio Ambrosini e Ostinato n. 6 di Adriano Guarnieri. Alle ore 19.30 Claudio Ambrosini, Adriano Guarnieri e Marco Momi incontrano il pubblico per una conversazione guidata da Gianluigi Mattietti. Zaum percussion è al suo terzo anno in residenza a Milano Musica e si colloca tra gli ensemble protagonisti di alcune tra le più interessanti esperienze della musica d’oggi per percussioni. Per Milano Musica, Simone Beneventi, Carlota Cáceres e Lorenzo Colombo, che si alterna con Matteo Savio, hanno coordinato nel 2018 l’anteprima aperta nelle periferie milanesi Secret Public ed eseguito per la prima volta in Italia This is the Game di Daniele Ghisi in Pirelli HangarBicocca, nel 2019 hanno inaugurato una delle più recenti sedi del Festival, Santeria Toscana 31, con un concerto che accostava Iannis Xenakis, Esaias Järnegard e Vinko Globokar.

L’anteprima del festival

L’anteprima aperta del Festival è in programma giovedì 15 ottobre alle ore 20 nella Chiesa di San Fedele (ingresso libero, prenotazione obbligatoria). In programma due dei brani più significativi nell’ambito della ricerca sulla manipolazione del suono degli anni ’80: in Mortuos Plango, Vivos Voco dell’inglese Jonathan Harvey il suono filtrato della campana della Cattedrale di Winchester avvolge l’ascoltatore combinandosi con la voce registrata del figlio del compositore (allora corista a Winchester). Accordi e modulazioni sono costruiti attraverso i parziali dello spettro del suono. Con la regia di Alvise Vidolin, nella seconda parte del concerto il violinista Francesco D’Orazio si muove tra i sei diversi leggii e gli otto nastri magnetici previsti da Luigi Nono, come interprete della Lontananza nostalgica utopica futura, madrigale per più “caminantes” eseguito per la prima volta al Berliner Festwochen nel 1988 con Gidon Kremer al violino.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dedicato.