CONFEZIONI IN MATERIALE RECICLATO: la svolta green di Esselunga
CONFEZIONI IN MATERIALE RECICLATO: la svolta green di Esselunga

CONFEZIONI IN MATERIALE RECICLATO: la svolta green di Esselunga. L’azienda lo ha scritto nel suo bilancio di sostenibilità. La svolta avverrà entro il 2025

Entro il 2025 le confezioni dei prodotti Esselunga saranno in materiale riciclato, riciclabile o compostabile. È uno degli obiettivi della catena di supermercati fondati da Bernardo Caprotti che nei giorni scorsi ha presentato il suo bilancio di sostenibilità, un documento nel quale sono state ripercorse le principali tappe della sua storia e in cui sono stati illustrati i risultati ottenuti nel corso dell’ultimo anno, nonché gli obiettivi che il gruppo intende raggiungere entro il 2025.

Ma l’azienda ha già iniziato il suo cammino green: nella costruzione dei nuovi negozi Esselunga favorisce l’uso di energie rinnovabili. Non solo: sono state sviluppate iniziative per ridurre l’impatto ambientale dei packaging in plastica: è il caso della sostituzione delle confezioni dei prodotti a marchio del reparto frutta e verdura con materiale interamente compostabile, progetto avviato già nel 2017.

Esselunga, ecco quanto fattura

Esselunga ha un fatturato di oltre 8 miliardi di euro, 25mila dipendenti, più di 5,5 milioni di clienti fidelizzati, tre poli logistici, due centri di lavorazione e due centri di produzione, ed è presente in sette regioni tra il centro e il nord Italia con 162 negozi a cui si aggiungono i nuovi format di vicinato laEsse, 40 profumerie Esserbella, 95 bar Atlantic.

Esselunga è inoltre attiva con altre iniziative green. Se sei interessato all’argomento, clicca qui.

 


 

Fonte articolo : Alessandro Gemme di MilanoToday