Come tutte le mostre, anche quella che doveva inaugurarsi il 27 novembre al Castello Sforzesco di Milano è stata rimandata in data da destinarsi. Allestita nelle Sale dell’Antico Ospedale Spagnolo è pronta ad aprire al pubblico non appena le disposizioni governative per il contenimento della pandemia da Covid19 decreteranno la riapertura di mostre e Musei. Ma nel frattempo sarà possibile ammirarla attraverso una mostra virtuale.

Castello Sforzesco di Milano: mostra virtuale

In occasione delle celebrazioni del cinquecentenario della morte di Raffaello Sanzio, il Castello Sforzesco rende omaggio con questa mostra a uno degli artefici indiscussi del Rinascimento attraverso l’opera grafica e il collezionismo di Giuseppe Bossi (1777-1815).  
Il pittore ed erudito, che ricoprì il ruolo di Segretario dell’Accademia di Brera, fu animato da una profonda passione di raccoglitore e contribuì in maniera decisiva ad alimentare il mito del genio urbinate nella cultura lombarda, mediante la divulgazione del linguaggio e delle invenzioni del maestro.
La prestigiosa raccolta di Bossi, in parte confluita nelle collezioni civiche milanesi, permette ancora oggi non solo di constatare la fama sconfinata di cui godette Raffaello nel tempo, attraverso differenti tipologie di manufatti artistici e di epoche comprese tra il XVI e il XIX secolo, ma anche di ammirare quell’ideale di bellezza rinascimentale tanto caro all’estetica imperante tra la seconda metà del Settecento e l’età napoleonica.

A seguito delle misure stabilite dal Decreto del Presidente del Consiglio di Ministri del 3/12/2020 per il contenimento del COVID -19, i Musei e le Mostre del Castello Sforzesco restano chiusi al pubblico fino al 15 gennaio 2021. Nel frattempo sarà possibile visitare virtualmente la mostra, cliccando su virtual tour e leggendo gli approfondimenti sui social network facebook e instagram

In occasione dell’allestimento della mostra, sul portale GraficheinComune, sono resi disponibili alla consultazione online il catalogo di tutti i disegni di Giuseppe Bossi conservati all’interno della collezione del Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco e l’inventariazione dell’ampio corpus di incisioni da Raffaello conservate nella Raccolta delle Stampe “A. Bertarelli”, per un totale di circa 1000 immagini