spagna lavorare-4 giorni

Il lavoro con la settimana corta di 4 giorni e lo stesso stipendio non è un’utopia perché la Spagna si prepara ad avviare la sperimentazione con un progetto pilota che migliorerebbe la qualità della vita dei lavoratori e anche la produttività.

“Con la settimana di 4 giorni di lavoro, ci stiamo lanciando nel vero dibattito della nostra era. Il tempo per realizzare l’idea è arrivato.”

Questo l’annuncio di Errejón su Twitter. In Spagna la sinistra quindi vuole ridurre la settimana lavorativa a 32 ore sfidando le 35 ore dei lavoratori francesi.

In Francia la settimana lavorativa corta è stata portata da 39 ore settimanali a 35 ore. Nel 1997 l’idea fu dell’allora presidente Jacques Chirac, ma divenne legge solo qualche anno dopo nel 2002.

Da quella data in Francia si lavora 4 ore in meno a settimana, mentre in Italia siamo ancora fermi alle 40 ore settimanali.

Ora in Spagna si segue l’esempio francese cercando di trarre benefici da una settimana ancora più corta di 32 ore. E quali sarebbero, secondo i fautori della misura, questi benefici? Nel dettaglio:

  • il maggior benessere dei lavoratori che aumenterebbero, a fronte delle minori ore di lavoro settimanali, la produttività oraria;
  • una riduzione dell’inquinamento;
  • più tempo per la formazione dei lavoratori specie nel campo delle nuove tecnologie;
  • mantenere alto il potere d’acquisto dei lavoratori e quindi la domanda interna permettendo così di dare una risposta al dilagare dell’intelligenza artificiale impiegandola nelle mansioni ripetitive

Settimana lavorativa corta di 4 giorni: il progetto spagnolo

Il progetto sperimentale della settimana lavorativa corta di 4 giorni in Spagna durerà tre anni e riguarderà solo un certo numero di imprese.

Il governo metterebbe 50 milioni di euro per le imprese disposte ad abbracciare il progetto pilota e lo stato coprirebbe i costi delle stesse:

  • al 100% nel primo anno;
  • al 50% nel secondo;
  • al 33% nel terzo anno.

Le imprese dopo i tre anni con la settimana di 32 ore con l’aiuto del governo, dovrebbero poi valutare se la produttività è aumentata e se questa sia effettivamente fattibile.

Una prova dunque quella che la Spagna, un’utopia forse per l’Italia dove la settimana lavorativa è ancora di 40 ore e forse lo sarà ancora per un po’.