recovery fund: flashmob per richiedere equità di genere
Foto di "Il Giusto Mezzo"

Recovery fund: si richiedono più tutele per le donne con un flashmob in diverse città d’Italia, anche a Milano. 

In data 18 aprile 2021 il movimento “il Giusto Mezzo” ha organizzato una manifestazione all’Arco della Pace. La richiesta: maggiore equità per le donne nel Recovery Fund. Il mezzo: un flashmob (con distanziamento sociale e mascherine) per porre l’attenzione sulla causa.

Il tema scelto per il flashmob è quello di una gara di corsa, con lo scopo di evidenziare il gap di genere: #CorsaAlRecovery. Ogni disparità di genere presente nella realtà sociale e lavorativa italiana a sfavore delle donne faceva fare loro un passo indietro prima ancora dell’inizio della gara. In questo modo, lo svantaggio è stato reso visibile in modo chiaro e d’impatto.

Il flashmob è stato protagonista di molte piazze italiane, tra cui: piazza Santa Maria Novella a Firenze, l’Arco della Pace a Milano, piazza del Popolo a Roma. Ma anche a Torino, in piazza Castello, nella piazza Garibaldi di Parma e a Treviso, in piazza Borsa.

Le persone coinvolte, intervistate durante la manifestazione hanno esplicitato i termini delle richieste: in primo luogo che il 50% dei fondi del Recovery Fund venga destinato alle donne. Sono infatti necessarie maggiori infrastrutture che permettano di aumentare l’occupazione femminile e ridurre la disparità di genere.

Inoltre, tra le altre cose, viene richiesto un congedo di paternità di cinque mesi, che sia valido anche per i lavoratori e le lavoratrici autonome, asili nido a tempo pieno, allargamento dell’offerta di cura per anziani e disabili, abolizione del gender pay gap, agevolazioni all’accesso al credito.

È stato stimato che se il tasso di occupazione femminile in Italia fosse uguale a quello maschile il Pil del nostro Paese aumenterebbe di 88 miliardi.

Durante l’ultimo anno sono stati persi ben 444 mila posti di lavoro, dei quali 312 mila hanno coinvolto le donne. Per non parlare delle percentuali di reddito: i redditi femminili sono più bassi di quelli degli uomini del 46,7%.

Il 30 aprile il Presidente del Consiglio Mario Draghi consegnerà all’Europa il piano italiano per l’utilizzo dei fondi del Recovery Fund.