Da sabato 1° maggio il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia riapre al pubblico con i seguenti orari: martedì – venerdì dalle 9.30 alle 17; sabato e festivi dalle 9.30 alle 18.30. Rimane invariata la consueta chiusura del lunedì.

Riapre il Museo della Scienza e della Tecnologia

A partire dal mese di maggio, sarà dunque possibile tornare a visitare liberamente le Gallerie Leonardo, la più grande esposizione permanente dedicata a Leonardo umanista, ingegnere e indagatore della natura, ma anche prenotare una visita guidata a pagamento da martedì a venerdì alle ore 15 e nelle giornate di sabato e domenica tutto il giorno, secondo la disponibilità online. E per tutti coloro che non riusciranno ancora a recarsi al Museo, è stato da poco inaugurato il primo Virtual tour dedicato proprio alle Gallerie.

MOSTRE IN CORSO:

  • “LA VOCE DEI METALLI” di Roberto Ciaccio
    Compreso nel biglietto 
    Fino al 12 settembre il Museo ospita la mostra monografica di Roberto Ciaccio, che mette in luce un aspetto particolare del percorso creativo dell’artista: la realizzazione di opere su metallo. Le grandi opere in mostra, lastre di metalli diversi – ferro, rame, alluminio, zinco – con la loro fisicità e cromia instaurano luminose corrispondenze con gli ambienti del Museo, creando una sottile trama di rimandi materici e assonanze musicali tra opere d’arte e oggetti della tecnica, a partire dalle opere disposte accanto all’enorme centrale termoelettrica Regina Margherita (1895 acciaio, ferro, ghisa neri) e proseguendo per quelle esposte lungo il binario del Padiglione Ferroviario.
  • INSTALLAZIONE “ROBOT AMICO”
    Compreso nel biglietto 
    Al Museo è esposto AMICO, un concept di robot dalle sembianze umane prodotto da Comau realizzato in soli due esemplari al mondo, che accoglierà i visitatori dando prova delle proprie abilità. La sua tecnologia si basa sul Racer3, un braccio robotico sviluppato per applicazioni industriali. Amico è capace di lavorare in spazi ristretti grazie alla sua flessibilità e a una combinazione di tecnologia e design. Ha 6 assi di movimento che gli consentono di raggiungere diversi punti nel raggio di 630 mm e riesce a posizionare un oggetto con una ripetibilità di 0,02 mm alla velocità massima di 900°/sec.
    Robot come il Racer3 sono utilizzati principalmente per attività di pick&place e hanno una vasta gamma di applicazioni proprio per la capacità di adattarsi a qualsiasi tipo di movimentazione di materiali.