terza dose

Secondo le ultime ipotesi, la terza dose di vaccino Pfizer avrebbe una reazione immunitaria superiore rispetto alla somministrazione di sole due dosi. 

Secondo le ultime ipotesi, la terza dose di vaccino Pfizer avrebbe una reazione immunitaria 5 volte superiore nelle persone più giovani e più di 11 volte superiore nelle persone anziane rispetto alla somministrazione di sole due dosi.

Non c’è ancora nulla di certo, ma dalle ultime dichiarazioni sembrerebbe che la terza somministrazione di vaccino anti Covid-19 Pfizer aumenterebbe in modo considerevole la reazione immunitaria del nostro organismo.

L’azienda ha dichiarato che una terza dose del suo vaccino fornisce un’ulteriore protezione contro la variante delta del Covid-19, la più infettiva rilevata ad oggi e che sta guidando la nuova ondata di ricoveri e decessi.

Il produttore di farmaci, presentando gli utili del secondo trimestre, ha dichiarato che una dose di richiamo somministrata almeno 6 mesi dopo la seconda dose ha un profilo di tollerabilità coerente, suscitando una alta produzione di anticorpi neutralizzanti contro la variante delta, 5 volte superiori nelle persone più giovani e più di 11 volte superiori nelle persone anziane rispetto a due dosi.

La società prevede di pubblicare dati più definitivi sull’analisi nell’ambito delle discussioni in corso con FDA, EMA e altre autorità di regolamentazione nelle prossime settimane.